Magneti Marelli START - 2

Prof anch'io!

Il concetto è quello del “maestro di bottega”, il sistema attraverso il quale, per secoli e secoli prima dell’avvento della grande industria, i lavoratori più esperti hanno messo a disposizione tempo e know-how acquisito per trasferire ai giovani competenze professionali.

Un insegnamento fatto di teoria, di pratica, ma soprattutto di contatto umano, di rapporto diretto per imparare non solo un mestiere, ma anche il gusto di farlo con passione.

Il Progetto Formare, lanciato in Brasile dalla Fondazione Iochpe 23 anni fa, prende questo antico - ma sempre attuale - concetto e lo porta nelle grandi imprese, strutturando corsi di qualificazione e formazione per i giovani provenienti dalle comunità in cui le aziende hanno sede, tenuti da funzionari della stessa azienda, che diventano “educatori volontari” e - dopo un percorso di addestramento specifico - sono capaci di trasmettere le loro conoscenze ai ragazzi.

Magneti Marelli ha adottato il progetto Formare in Brasile nel 2004; un progetto che sviluppa attività nelle “aule” realizzate nelle fabbriche di Magneti Marelli di Hortolândia, Amparo e Mauá, nello stato di San Paolo, e di Lavras, nello stato di Minas Gerais.

I corsi sono naturalmente definiti tenendo conto delle attività di Magneti Marelli e delle altre imprese della regione. Oltre a queste “materie” specifiche, il percorso di istruzione prevede poi approfondimenti su ambiti più generali (salute, sicurezza, comunicazione e relazioni) ma anche diverse attività di integrazione, come per esempio musica, teatro, la gestione condivisa di un “orto scolastico”...

Ogni corso (che è riconosciuto dal Ministero dell’istruzione del Brasile) accoglie fino a un massimo di 20 giovani di basso reddito e dura un anno.

L’alunno, che viene selezionato nella comunità tramite un processo che si basa su prove, colloqui e visite domiciliari - che attestano la sua vera necessità di partecipare al progetto - riceve tutti i benefici affinché possa frequentare i corsi in modo soddisfacente, come - tra gli altri - trasporti, borsa di studio, alimentazione, assistenza medica.

Una volta concluso il corso, l’alunno è pronto per entrare nel mercato del lavoro, e potenzialmente può entrare a far parte del quadro di collaboratori di Magneti Marelli.

Questo dipenderà dal numero di posti liberi disponibili in Azienda e anche dall’età del candidato, oltre agli altri criteri di classificazione, certo, ma per i ragazzi che accedono al corso le speranze che questo percorso formativo trovi sbocco in un lavoro sono molto alte: secondo gli studi della Fondazione Iochpe, circa l’80% degli studenti che hanno frequentato “Formare” sono al momento impiegati in varie aziende.

Community Investment in Brasile

L’attività strutturata di investimento ulla comunità (Community Investment) di Magneti Marelli in Brasile è iniziata nel 2007, con una fase di analisi che ha portato all’implementazione di comitati interni di valutazione nelle regioni dove Magneti Marelli è presente nel Paese.

Gli interventi di investimento sulla comunità si concentrano su un target specifico: bambini e adolescenti (tra i 6 ei 24 anni di età) delle comunità in cui si trovano le unità produttive di Magneti Marelli che non godono delle condizioni socio-economiche necessarie per completare un percorso di istruzione e formazione professionale. Oltre all’adesione al progetto Formare, l’impegno dell’Azienda prevede il supporto di altri progetti e lo svolgimento di attività di volontariato aziendale.

 

L'impegno di Magneti Marelli nel campo dell'istruzione

L’attenzione e il sostegno allo sviluppo armonico delle giovani generazioni è stato anche nel corso del 2012 uno dei filoni più importanti degli investimenti effettuati da Magneti Marelli a livello globale in progetti con ricaduta sociale positiva presso le comunità nelle quali il Gruppo opera.
La convinzione è infatti che per contribuire al benessere di una comunità, soprattutto nei Paesi in via di sviluppo, ma anche in aree difficili dei Paesi cosiddetti sviluppati, si debbano innanzitutto mettere in campo strumenti concreti che accompagnino la crescita di bambini e adolescenti.
A partire proprio dall’accesso all’istruzione. Gli esempi sono numerosi: dal supporto dato, nella Repubblica Ceca, ad alcune scuole materne che accolgono bambini svantaggiati o disabili, fino al programma di borse di studio avviato in Polonia, o il programma “Scholarship to University Youth” attivato in Cina.
Ma, oltre agli interventi direttamente collegati al mondo dell’istruzione, spesso garantire l’accesso all’istruzione significa contribuire a soddisfare alcune necessità di base che vengono prima della scuola. A partire dalla salute. È con questo intento, per esempio, che presso la scuola media del villaggio di Thana Bas Hariya, nella provincia di Manesar, in India, Magneti Marelli ha sostenuto l’attività dell’ “Eye Camp”, l’ambulatorio da campo dove i medici dell’ong Acme Salute hanno potuto visitare oltre 200 bambini e ragazzi, verificando le condizioni di salute della vista e portando le cure necessarie, distribuendo medicinali e soprattutto occhiali per correggere i difetti della vista.
Controllato quello che, per ogni bravo studente, è lo strumento principale di lavoro, e cioè la vista, l’impegno di Magneti Marelli in India è andato oltre, provvedendo a fornire ai bambini e adolescenti più poveri e svantaggiati maglioni e abbigliamento idoneo per affrontare i mesi invernali senza patire il freddo, e dei “kit scolastici” con tutto l’occorrente per lo studio: dizionari, quaderni, cartelle di plastica, libri, matite, gomme. Una dotazione di materiali di cui hanno potuto usufruire 65 studenti, che hanno potuto così affrontare l’anno scolastico senza mancanze.