Magneti Marelli START - 2

Un'azienda aperta

Lettera agli Stakeholder

Per Magneti Marelli, la sostenibilità, assieme alla tecnologia, è uno dei driver di cambiamento ed evoluzione più importanti.

Il mondo si muove in fretta: i cambi di paradigma negli scenari economici, tecnologici, sociali e umani si stanno rivelando in tutta la loro profondità e inesorabilità. Nuovi modi di muoversi, di comunicare, di lavorare. Nuovi problemi che chiedono nuove soluzioni, menti e anche cuori pronti a strade non tracciate e a ricette non ancora pensate. Innovazione ed evoluzione. Per sua missione Magneti Marelli è proiettata a creare soluzioni e tecnologie sostenibili per la mobilità: l’onda della «smart mobility» prospetta un futuro molto vicino un cui l’auto si dota di sistemi avanzati che consentono al guidatore di interagire in un modo nuovo con il veicolo – attraverso interfacce evolute e personalizzabili - e di fruire di una nuova connettività estesa e integrata, in cui tutti gli attori della mobilità comunicano allo stesso momento. Un’ “onda” tecnologica che – con l’orizzonte della guida autonoma abilitato dalla connettività “profonda” - sta portando verso una soluzione univoca ai problemi, spesso conflittuali, della sicurezza e della riduzione di consumi ed emissioni. In questa fase esaltante e così dinamica, un’idea e una convinzione si profila sempre più netta: l’obiettivo di un’impresa è essere sana e portare risultati, creando equilibri sempre migliori al suo interno e all’esterno, nel sistema in cui è inserita.

E’ questo il fuoco che guida l’approccio alla sostenibilità in Magneti Marelli, sui suoi tre assi ambientale, sociale ed economico. Il nostro programma, che, nella sua forma strutturata e trasversale, è entrato nel suo quarto anno di vita, guarda alla concretezza e si basa su due direttrici di sviluppo: un approccio metodologico attento e di lungo termine - che ha come riferimenti il GRI, l’ISO 26000 e il Codice di Condotta del Gruppo Fiat Chrysler – e, in parallelo, l’avvio di progetti-pilota tangibili ed efficaci, che producono risultati fin da subito.

Nell’ultimo anno e mezzo sono partiti progetti importanti di cui potete leggere in questo report: l’analisi del ciclo di vita dei prodotti (Life Cycle Assessment), il monitoraggio secondo criteri sociali ed ambientali della Catena di Fornitura e una mappatura degli Investimenti nelle Comunità a livello globale con l’obiettivo di individuare delle linee guida sempre più evolute.
In Italia e in Brasile sono stati organizzati workshop di formazione sul tema della sostenibilità e tutti i partecipanti – di diversa estrazione e provenienza professionale – sono stati chiamati a collaborare nelle attività di mappatura delle iniziative di sostenibilità.

L’obiettivo immediato, ora, è quello di far penetrare sempre più in profondità in tutte le realtà locali di Magneti Marelli, siano essere realtà paese o realtà di business, il programma di Sostenibilità. Gli ingredienti che ci consentono di operare con ambizione in questa direzione sono la dinamica di "scambio" e di osmosi che si crea nella rete delle nostre presenze e localizzazioni nel mondo e il concetto di “openness”, “apertura” che pensiamo ci contraddistingua: apertura tecnologica, di business e soprattutto culturale.

Le storie, i dati e le performance, che leggerete in questa seconda edizione di Start, testimoniano quindi l’investimento in intelligenze e persone, un approccio “aperto” e globale e un impegno di sostenibilità concreto, che si rinnova e “riparte” ogni giorno.

eugenio razzelli

Eugenio Razelli
CEO di Magneti Marelli